La Chiesa di San Giovanni al Sepolcro di Brindisi

La Chiesa di San Giovanni al Sepolcro di Brindisi

Posta al termine della rete viaria medievale verso la Terra Santa, la Chiesa di San Giovanni al Sepolcro di Brindisi è la testimonianza di quanto i rapporti con l’Oriente, durante le crociate, influenzassero anche l’architettura europea. L’edificio brindisino, infatti, ha un profondo valore simbolico. Costruita su una domus patrizia di età imperiale, questa chiesa ha una particolare struttura a pianta circolare che richiama con forza il modello dell’Anastasis di Gerusalemme, la Basilica del Santo Sepolcro voluta dall’Imperatore Costantino nel 326 d.C., perché qui sua madre, Santa Elena, scoprì le reliquie della Croce. Se questa ha un diametro di trentasei metri, quella brindisina è ridotta della metà, diciotto metri, e costituisce uno dei maggiori casi architettonici di riproposizione e memoria dei modelli gerosolimitani. (altro…)

L’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara

L’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara

Lungo la strada statale che da Foggia conduce a Manfredonia, circa dieci chilometri prima di quest’abitato, al chilometro 27,6, in località Monte Aquilone, si incontra il complesso di fabbriche monumentali di San Leonardo in Lama Volara. Un monastero, una chiesa ed un ospizio ci riportano al medioevo delle crociate in Terra Santa e dei pellegrinaggi a Monte San Michele. Il complesso monastico fu fondato intorno all’anno mille dai Canonici Regolari di Sant’Agostino, su concessione di Guglielmo III, vescovo di Troia, come ricovero per i pellegrini che si recavano al Santuario dell’Arcangelo Michele e per i cavalieri crociati che s’imbarcavano per la Terra Santa. Una pergamena del 1137, contenuta nel Regesto, infatti, presenta un breve di papa Innocenzo II con il quale si riconosceva agli agostiniani la chiesa, ma la sua storia subì un inconsueto cambiamento nel 1261, quando papa Alessandro IV l’assegnò all’Ordo Teutonicus. (altro…)