Alessandro Farnese soccorre Parigi

Alessandro Farnese soccorre Parigi

Davanti ad una Francia divorata dalla guerra tra cattolici ed ugonotti, Filippo II, che aveva già inviato dei tercios al comando di Juan de Águila contro gli eretici nella Bretagna francese, ordinò al governatore e comandante in capo dell’esercito delle Fiandre, Alessandro Farnese, di soccorrere Parigi assediata e ridotta alla fame da Enrico di Navarra.

(altro…)

La Chiesa tra riforma e rivoluzione

La Chiesa tra riforma e rivoluzione

Papa Giulio II fu un grande mecenate ed un eccezionale pontefice politico e militare ma non va trascurato che amò profondamente la Chiesa. Il 3 maggio del 1512 si aprì il Concilio Laterano V, da lui voluto per arginare le pretese del re di Francia, Luigi XII, che minacciava l’Italia e Roma osando pure convocare vescovi ed abati a concilio di sua autorità per riformare la Chiesa. Purtroppo interessi e intrighi intralciarono i piani del pontefice, rallentando ed osacolando i lavori. Venezia, che pure aveva le sue mire, si schierò a favore del Concilio e vi mandò Francesco Foscari, patrizio della Serenissima. (altro…)

Il prefetto di Roma

Il prefetto di Roma

Quando Roma non fu più sede della corte imperiale, un magistrato, il praefectus Urbis, serbò la giurisdizione sulla città e sul territorio circostante. La carica era stata isituita da Augusto e, sotto Graziano e Valentiniano, continuava a godere di altissima considerazione. Erano di sua competenza l’annona, i mercati, gli spettacoli, le mura e gli acquedotti, i lavori edilizi ed il censimento. Al cadere del VI secolo, sotto il pontificato di Gregorio Magno, il prefetto si ritorvò affiancato dal magister militum, incaricato dell’amministrazione militare. Oltretutto il prestigio della carica non era più quello di una volta. (altro…)

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa è un monastero che sorge in Sabina, nel reatino. L’abbazia nel Medioevo ebbe una importanza enorme grazie ad elargizioni, privilegi, esenzioni, da parte di imperatori e papi e diventò così una vera potenza interposta fra il Patrimonio di Pietro ed il Ducato di Spoleto. Nel momento più alto della sua potenza l’abbazia controllava 600 tra chiese e monasteri, 132 castelli o piazzeforti e 6 città fortificate, per un totale di più di 300 villaggi. I passaggi che seguono sono estratti da Renzo Di Mario, “Viaggio nel Medioevo sabino”. (altro…)

Pio IV contro i Carafa

Pio IV contro i Carafa

Quella che segue è la relazione, pubblicata da Achille Gennarelli, dell’ambasciatore veneziano sulla morte del Cardinale Carafa, del Duca di Paliano, suo fratello, del Conte d’Alife e di Leonardo Cardines, fatti uccidere da Pio IV del 1562. (altro…)