Home / Nord / Il giuramento della Giovine Italia

Il giuramento della Giovine Italia

La Giovine Italia fu fondata a Marsiglia nel luglio del 1831 da Mazzini che era lì in esilio. Il suo obbiettivo era quello di mutare le sorti dell’intera penisola italiana istituento una repubblica indipendente e spazzando via, dunque, le varie monarchie che tenevano diviso il Paese. Quello che segue è il giuramento di affratellamento all’organizzazione segreta.

 

***

 

 

Nel nome di Dio e dell’Italia,

Nel nome di tutti i martiri della santa causa italiana, caduti sotto i colpi della tirannide, straniera o domestica,

Pei doveri che mi legano alla terra ove Dio m’ha posto, e ai fratelli che Dio m’ha dati

per l’amore, innato in ogni uomo, ai luoghi dove nacque mia madre e dove vivranno i miei figli

per l’odio, innato in ogni uomo, al male, all’ingiustizia, all’usurpazione, all’arbitrio

pel rossore ch’io sento in faccia ai cittadini dell’altre nazioni del non avere nome né diritti di cittadino, né bandiera di nazione, né patria

pel fremito dell’anima mia creata alla libertà, impotente ad esercitarla, creata all’attività nel bene e impotente a farlo nel silenzio e nell’isolamento della servitù

per la memoria dell’antica potenza

per la coscienza della presente abbiezione

per le lagrime delle madri italiane

pei figli morti sul palco, nelle prigioni, in esilio

per la miseria dei milioni:

Io

Credente nella missione commessa da Dio all’Italia, e nel dovere che ogni uomo nato italiano ha di contribuire al suo adempimento;

Convinto che dove Dio ha voluto fosse nazione, esistono le forze necessarie a crearla

che il popolo è depositario di quelle forze

che nel dirigerle pel popolo e col popolo sta il segreto della vittoria;

Convinto che la virtù sta nell’azione e nel sagrificio

che la potenza sta nell’unione e nella costanza della volontà;

Do il mio nome alla Giovine Italia, associazione d’uomini credenti nella stessa fede, e giuro:

Di consecrarmi tutto e per sempre a costituire con essi l’Italia in nazione una, indipendente, libera, repubblicana.

Di promovere con tutti i mezzi, di parola, di scritto, d’azione, l’educazione de’ miei fratelli italiani all’intento della Giovine Italia, all’associazione che sola può conquistarlo,

alla virtù che sola può rendere la conquista durevole;

Di non appartenere, da questo giorno in poi, ad altre associazioni;

Di uniformarmi alle istruzioni che mi verranno trasmesse, nello spirito della Giovine Italia, da chi rappresenta con me l’unione de’ miei fratelli, e di conservarne, anche a prezzo della vita, inviolati i segreti;

Di soccorrere coll’opera e col consiglio a’ miei fratelli nell’associazione,

ORA E SEMPRE.

Così giuro, invocando sulla mia testa l’ira di Dio, l’abbominio degli uomini e l’infamia dello spergiuro, s’io tradissi in tutto o in parte il mio giuramento.

 

 

 

 

 

Fonte foto: dalla rete

About historiaregni

Historia Regni è un portale telematico dedicato alla storia, anzitutto quella italiana. Nasce su iniziativa di Angelo D’Ambra, è senza scopo di lucro e si avvale di collaborazioni gratuite. Le foto presenti sono state, in parte, prese da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al nostro indirizzo email info@historiaregni.it e si provvederà alla rimozione.

Check Also

Le origini del Comune di Milano

La memoria del Regnum Italiae voluto da Carlo Magno animò le ambizioni di un piccolo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 18 =