Una storia di famiglia. Retroscena e soluzione di una disputa

Il 14 febbraio 1901, l’Infanta Maria de las Mercedes di Spagna, Principessa delle Asturie, sposò suo cugino di secondo grado, il Principe Carlo di Borbone-Due Sicilie-, figlio del de jure Re delle Due Sicilie, Don Alfonso il Conte di Caserta. Carlo fu elevato al rango di Infante di Spagna.
Il matrimonio non fu senza polemiche in Spagna, poiché il padre di Carlo aveva forti legami con il movimento carlista conservatore. Ma era un matrimonio che fu attivamente incoraggiato dalla madre di Mercedes, la regina Maria Cristina, e dall’Infanta Isabel. Mercedes (1880-1904) ebbe una posizione unica in Spagna. Suo padre era Alfonso XII, la morte del re nel 1885 portò a una crisi di successione, dato che aveva avuto due giovani figlie, Mercedes, e Maria Teresa, e una giovane vedova incinta, la regina Maria Cristina. Se il terzo figlio della regina Maria Cristina fosse stata un’altra figlia, Mercedes avrebbe potuto succedere come regina di Spagna.
La Regina partorì tranquillamente un figlio il 17 maggio 1886, Alfonso XIII. Brevemente sulla cresta per essere sul punto di diventare regina, Mercedes rimase Principessa delle Asturie, erede presuntivo al trono fino alla sua morte.
Il giovane Alfonso soffriva di malattia e una costituzione debole, e molti pensavano che non sarebbe sopravvissuto all’infanzia. La posizione di Mercedes – e il suo matrimonio – sono rimasti di primaria importanza. Era importante per la giovane Infanta sposare un altro Borbone se fosse divenuta regina.
L’Infanta Mercedes e sua sorella minore, l’Infanta Maria Teresa, furono presentate nella società a un ballo organizzato dalla regina Maria Cristina a Palazzo Reale. Le due infante erano cresciute in un ambiente conservatore e restrittivo con pochi amici al di fuori del palazzo. Non fu una sorpresa che Mercedes si innamorò del principe Carlo, che era stato ospite al ballo. Le chiese di ballare, e lei si sciolse.
Carlo ei suoi fratelli si erano trasferiti in Spagna, al fine di proseguire le loro carriere militari e sia lui che suo fratello maggiore si erano distinti in campagne militari spagnole durante il 1890. Il fidanzamento della coppia fu annunciato il 14 dicembre 1899. Non fu accolto con favore dai liberali spagnoli dato che il padre di Carlo, il Conte di Caserta, aveva servito come capo di stato maggiore nella guerra finale carlista, quando le truppe carliste avevano saccheggiato la città spagnola di Cuenca.
Mercedes era perplessa dalla critica. “Sono felice di sposarlo, ma sono anche turbata da coloro che hanno creato una tale confusione e reso mia madre sofferente per questo … tutto perché suo padre ha combattuto al fianco di Don Carlos. E ‘questo giusto?” scrisse a sua zia la Infanta Paz.
Anche se le strade erano state chiuse e vaste truppe dispiegate in tutta la capitale, non ci furono grandi perturbazioni nel giorno del matrimonio della coppia. La coppia si sposò nel giorno di San Valentino del 1900.
jaimeborboneIl nuovo Infante di Spagna, Don Carlo Tancredi (1870-1949), era il secondo figlio del principe Alfonso, Conte di Caserta (1841-1934) e di sua moglie e cugina di primo grado, la principessa Maria Antonietta di Borbone-Due Sicilie. Nel 1894, in seguito alla morte del precedente re, Francesco II, Alfonso divenne pretendente al trono a due Sicilie, e suo figlio maggiore, il principe Ferdinando Pio, che sposò la principessa Maria Ludwiga di Baviera, divenne l’erede e ricevette il titolo di Duca di Calabria.
Dato che il Conte di Caserta ritieneva che ci fosse il rischio che le pretese sulle Due Sicilie si sarebbero affievolite se suo figlio fosse diventato “re consorte” spagnolo, a Don Carlo fu chiesto di firmare una dichiarazione di rinuncia eventuale al suo diritto di successione alla Corona delle Due Sicilie in un testo conosciuto come Atto di Cannes. Questo fu frettolosamente redatto e firmato il 14 dicembre 1900 ed è stato la causa che portò alla divisione all’interno della famiglia.
Poco prima che il documento fu firmato, il Conte di Caserta e la regina Maria Cristina, reggente per il figlio minorenne, avevano convenuto che “la sola rinuncia necessaria era quella di nazionalità precedente.” L’Atto era “in esecuzione della Pragmatica Sanzione” del 1759 che richiedeva una rinuncia solo se le Corone della Spagna e delle Due Sicilie fossero state unite nella stessa persona ( cosa che mai avvenne e quindi la rinuncia non fu mai operativa e mai necessaria), che in questo caso era una possibilità piuttosto remota dato che il fratello maggiore di Carlo avrebbe avuto un figlio, Ruggiero (che morì all’età di tredici anni), e diverse figlie, ognuna delle quali aveva il diritto prima al trono di Spagna per diritto della loro bisnonna, una sorella minore di Ferdinando VII di Spagna. Malintesi oltre gli effetti di questo documento, hanno offuscato la successione da allora.
Mercedes e Carlo erano i genitori di tre figli: Alfonso (1901-1964), Fernando (1903-1905) e Isabel Alfonsa (1904-1961). I bambini portavano i titoli di principe o principessa di Borbone-Due Sicilie ( fatto fondamentale questo, che spazza via ogni dubbio che avessero perso il cognome originario a causa della presunta rinuncia del padre, cosa sulla quale si sono fatte molte discussioni anche recentemente ad opera di polemisti) e fu accordato anche ad ognuno il titolo Infante di Spagna.
La principessa delle Asturie era incinta del suo terzo figlio, quando si ammalò nel mese di ottobre del 1904. Soffriva di appendicite, che i medici prima diagnosticarono come crampi allo stomaco. Ciò portò a una peritonite, e al parto precoce. Mercedes diede alla luce prematuramente una figlia, il 16 ottobre, e morì il giorno seguente.
Carlo rimase in Spagna, come i suoi tre bambini che rimasero inizialmente sotto la cura della regina Maria Cristina. Un anno dopo, il giovane Fernando morì. Il figlio maggiore, il principe Alfonso, non divenne Principe delle Asturie ( altro fatto importantissimo), anche se era il “presunto” erede al trono di Spagna, e come tale “Infante Heredero” fino al 10 maggio 1907, quando la regina Vittoria Eugenia diede alla luce un figlio, Alfonso. Un anno prima, il re Alfonso XIII aveva sposato la Principessa Vittoria Eugenia di Battenberg, un nipote della regina Vittoria.
Don Carlo rimase vedovo per tre anni. Nel 1907, sposò la principessa Luisa d’Orléans, figlia del Principe Filippo, conte di Parigi, la cui madre era una Infanta ed lei stessa fu creata Infanta dal suo matrimonio con Carlo. Ebbero quattro figli: Carlos (1908-1936), Maria de la Dolores (1909-1996), Maria de las Mercedes (1910-2000) e Maria de la Esperanza (1914-2005).
La figlia di mezzo, Mercedes, avrebbe riaffermato i legami con la casa reale spagnola, quando nel 1935, sposò Juan Infante, il conte di Barcellona, terzo figlio di re Alfonso XIII e della regina Vittoria Eugenia. Il loro figlio maggiore è il re Juan Carlos di Spagna, che resta vicino ai suoi cugini Due Sicilie.
Il Conte di Caserta, morì il 26 maggio 1934 e gli successe come capo della casa da suo figlio maggiore, Ferdinando Pio, che è stato il padre di sei figli. Tragicamente, il principe Ruggiero, Duca di Noto, morì giovane, nel 1914, fornendo una seconda causa per una battaglia sulla futura successione.
Dopo la morte del principe e Infante Don Carlo nel 1949 ci fu un disaccordo in famiglia; Carlo aveva aiutato suo fratello minore Ranieri finanziariamente e l’Infante Alfonso non era in grado di continuare questo sostegno – la sua decisione di non farlo, però, provocò una rottura con gli zii, Ferdinando Pio (Duca di Calabria e capo della Casa) e Ranieri. Ferdinando Pio presto dichiarò Ranieri suo erede e dopo di lui il figlio di quest’ultimo Ferdinando sulla base del fatto che l’Atto di Cannes era un valido atto di rinuncia. La maggior parte dei Principi minori della famiglia Due Sicilie considerati avrebbero seguito i desideri del duca di Calabria e riconosciuto il Principe Ranieri (1883-1973), il fratello prossimo di Don Carlo, che prese il titolo di Duca di Castro (un titolo antico che aveva ereditato dalla famiglia Farnese e che era stato utilizzato occasionalmente da re Francesco II in esilio).
Ranieri era il nono figlio e quinto figlio maschio del conte e la contessa di Caserta. Sposò la sua prima cugina la contessa Maria Carolina Zamoyska (la cui madre era una principessa delle Due Sicilie e sorella della contessa di Caserta), e avevano due figli, la principessa Maria de Carmen, e il principe Ferdinando, Duca di Castro. il Principe Rainieri aveva servito brevemente nell’esercito spagnolo.
Velocemente al 7 gennaio 1960. Il Duca di Calabria muore, e il Duca di Castro (Ranieri) è dichiarato capo della Casa, e riconosciuto come tale da quasi tutti i membri della famiglia Borbone-Due Sicilie-. Alcuni altri capi di famiglie reali anche riconobbero il Duca di Castro come erede, in particolare il conte di Parigi, Re Umberto II d’Italia e il duca di Baviera e poi il duca di Württemberg, e il Capo della Casa Imperiale del Brasile.
Sarebbe stato conteso, tuttavia, per la posizione dal nipote, il principe e Infante Don Alfonso, l’unico figlio superstite di Don Carlo. L’Infante Don Alfonso, duca di Calabria, e di sua moglie, la principessa Alicia di Borbone-Parma, che sposò nel 1936, sono stati i genitori di due figlie, le principesse Teresa e Inés, e un figlio, Carlos (creato Infante di Spagna dal Re Juan Carlos nel 1994). Alfonso morì nel 1964, e gli successe come Duca di Calabria per il suo unico figlio. Alfonso e Carlos sono stati riconosciuti come capi successivi della Real Casa delle Due Sicilie e Grandio Maestri Costantiniani dal conte di Barcellona, il Duca di Segovia (ne Infante Don Jaime di Spagna), il Duca di Parma, il duca di Braganza e il Principe Dom Pedro-Gastao di Orléans-Braganza. Successivamente l’Arciduca Otto d’Asburgo ha riconosciuto il figlio di Alfonso, Carlos, accettando da lui l’Ordine di San Gennaro, in occasione del suo 90 ° compleanno, come ha fatto il principe ereditario di Jugoslavia. Re Juan Carlos ha scritto a sostegno della rivendicazione del Infante Don Alfonso quando alcuni alti ufficiali dell’Ordine Costantiniano accettarono alti gradi nell’Ordine proposto dal Duca di Castro…..
La risoluzione delle controversie familiari, in particolare una che aveva le sue origini più di un secolo fa, può essere difficile, e nella storia delle famiglie reali europee non sono mai state risolte di comune accordo tra i membri della famiglia.
Il Duca di Noto e il duca di Castro erano determinati a cambiare questo e con un atto di notevole coraggio delle due famiglie, vicini per età e con bambini piccoli, hanno deciso di mettere da parte le differenze del passato. I negoziati sono proceduti nel corso di un anno, con un membro anziano dell’Ordine Costantiniano del Infante Don Carlos, il quale ha chiesto di aiutarlo in questo processo. Questi hanno portato a due incontri tra le famiglie (a Parigi e Madrid) e un accordo è stato redatto.
La firma dell’atto di riconciliazione è stato fatto in privato. Le Duchesse di Noto e Castro erano presenti alla cerimonia, così come la madre del duca di Noto, la Duchessa di Calabria, le sorelle del duca di Noto, Maria e Inés, e loro mariti, Arciduca Simeone e Michele Carrelli Palombi, la zia , la principessa Teresa, Marquesa de Laserma, la sorella del Duca di Castro, la principessa di Napoleone, il principe Casimiro di Borbone-Due Sicilie e sua moglie, la Principessa Margherita, e il duca di Braganza.
L’Infante Don Carlos, Duca di Calabria, 76, non sta bene, e non poteva essere presente per la cerimonia.
Le due famiglie si riconoscono reciprocamente i titoli, e le figlie del il Duca e la Duchessa di Castro hanno ricevuto i titoli di Duchessa di Palermo e Duchessa di Capri.
In occasioni future connesse con la dinastia, i membri della famiglia presenti rappresenteranno tutta la famiglia e i capi di ogni ramo saranno considerati uguali, condividendo le loro responsabilità storiche. Tutta la famiglia è determinata a non riaccendere la disputa e di lavorare insieme piuttosto in uno spirito di unità per il bene comune, in uno spirito di riconciliazione cristiana ispirata alle finalità dell’Ordine Costantiniano.
La successione al trono è in gran parte un punto controverso, e si prevede che la guida condivisa proseguirà attraverso le vite dei duchi di Noto e Castro. Né il Duca di Calabria, né il Duca di Castro (che ha solo figlie) dovranno cedere le loro posizioni come capo della famiglia. Il Principe Jaime, studente di ingegneria, sta imparando l’italiano, e diventerà più coinvolto nell’Ordine Costantiniano come faranno altri membri della famiglia reale.
Si tratta di un risultato importante per i Duchi di Castro e Noto. Lavoreranno ora insieme per unire l’Ordine Costantiniano e le amministrazioni degli ordini delle Due Sicilie di San Gennaro e Francesco I.
Chiunque vi racconta cose diverse, lavora per le divisioni e le guerre, atte a generare ed accrescere interessi personali.

Autore: Paolo Rivelli, Presidente del Real Circolo Francesco II di Borbone

Fonti: Marlene Eilers Koenig

Nella foto di copertina sono ritratti SAR la Infanta Maria della Mercedes, Principessa delle Asturie, e SAR il Principe Don Carlo Tancredi di Borbone Due Sicilie. Nella foto presente nel corpo dell’articolo appare invece SAR il Principe Don Giacomo di Borbone Due Sicilie, Duca di Capua,

historiaregni

Historia Regni è un portale telematico dedicato alla storia, anzitutto quella italiana. Nasce su iniziativa di Angelo D’Ambra, è senza scopo di lucro e si avvale di collaborazioni gratuite. Le foto presenti sono state, in parte, prese da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al nostro indirizzo email info@historiaregni.it e si provvederà alla rimozione.

2 pensieri riguardo “Una storia di famiglia. Retroscena e soluzione di una disputa

  • 27 Dicembre 2016 in 10:33
    Permalink

    Desideravo conoscere la biografia degli ultimi anni di Maria Cristina di Borbone e Parma, prozia dell’attuale Juan Carlos. L’avevo conosciuta negli anni ’50, quando era andata a Lima (Perù)col marito Enrico Marone Cinzano): mio padre allora era direttore della filiale Cinzano a Lima. Grazie.

    Rispondi
    • 31 Dicembre 2016 in 10:16
      Permalink

      Credo che ci sia un pò di confusione. Maria Cristina di Borbone-Parma, sorella più piccola della Duchessa di Calabria Donna Alice, nonna di Don Pietro, attuale capo della Real Casa, è morta a Vienna il I settembre 2009, città in cui era nata il 7 giugno del 1925 da Elias di Borbone, duca di Parma e Piacenza, e da sua moglie l’arciduchessa Maria Anna d’Austria-Teschen.
      La moglie del conte Enrico Marone Cinzano era invece Maria Cristina di Borbone-Spagna (seconda moglie). E’ nata a Madrid il 12 dicembre 1911 e, sempre a Madrid, è morta il 23 dicembre 1996. Era figlia del re Alfonso XIII di Spagna e di Vittoria Eugenia di Battenberg (dunque i Borbone-Parma non figurano nel suo albero genealogico).
      A quanto apprendo dalla rete morì per un attacco cardiaco nel corso di una riunione di Natale della famiglia reale presso la Villa Giralda, la residenza della cognata la Contessa di Barcellona. Fu un funerale di stato, era anche Infanta di Spagna, ma è stata sepolta nel Marone Cinzano-Pantheon a Torino.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 7 =