Home / Storia Universale / Letizia Ramolino, la madre di Napoleone

Letizia Ramolino, la madre di Napoleone

Maria Letizia Ramolino, andata in sposa ad appena tredici anni al diciottenne Carlo Bonaparte quando la Corsica si ribellò alla minaccia di annessione francese, seguì suo marito e, nonostante fosse incinta, partecipò ai combattimenti. Non immaginava certo che portava nel suo grembo un futuro imperatore. Restò vedova a trent’anni con la responsabilità di otto figli, cinque gli erano morti. Il suo orgoglio era proprio Napoleone che, promosso ufficiale di artiglieria, era avviato ad una sicura carriera militare.

Quando Pasquale Paoli, che i Bonaparte avevano seguito nel moto del 1875, si vide rifiutato un secondo appoggio, la Ramolino volle mettere al riparto da vendette i propri figli e, fortuna volle, che proprio la notte in cui i seguaci di Paoli appiccarono le fiamme alla loro casa, essi potettero assistere da lontano allo scampato pericolo.

Napoleone li attese sulla costa con una piccola imbarcazione che li condusse a Marsiglia. Questa terra riserbò loro stenti e miserie, fino a quando Napoleone, divenuto comandante in capo dell’Armata d’Italia, poté fornire agi e denari ai propri familiari. Maria Letizia Ramolino tornò in Corsica ed intanto sbocciavano i rancori e le divergenze col figlio che prendeva in moglie Giuseppina di Beauharnais, già divorziata e con figli, senza chiederle l’autorizzazione. Non presenziò dunque alla cerimonia d’incoronazione del 1804, contrariamente a quanto lascia credere un famoso dipinto di David.

Altra ragione di astio con Napoleone fu l’allontanamento dalla Francia di suo fratello Luciano reo d’aver preso in moglie Alexandrine de Bleschamp, vedova del banchiere Jouberthon. Maria Letizia seguì Luciano a Roma dove rinforzò la sua religiosità e più cupi si fecero i suoi timori sul futuro. Napoleone – ne era convinta – aveva sbagliato a cingersi il capo della corona di Luigi XVI e chissà fino a quando sarebbero durati i suoi successi. Timorosa, rancorosa eppure orgogliosa del figlio, non volle vivere a corte, ma non esitò a farsi chiamare “Madame”, come si voleva per la prima figlia dei re di Francia, neppure lesinò dal reclamare il titolo di Altezza Imperiale, armi alla sua carrozza ed una corte d’onore.

Per Napoleone la madre era solo “una borghese di Saint-Denis”, capricciosa, autoritaria. Restò sorpreso quando, dopo aver abdicato, la donna lo raggiunse sull’isola d’Elba per confortarlo. E Maria Letizia Ramolino gli fu ancor vicino dopo Waterloo, impegnando per il figlio le ricchezze accumulate negli anni affinché la vita a Sant’Elena gli fosse meno dura.

La notizia della morte del figlio, il 5 maggio del 1821, la serrò in un dolore soffocante che la portò a definirsi “madre di tutti i dolori”. Invano ne reclamò le ceneri, invano chiese di rivedere il pallido nipote, il Re di Roma. Presto perse pure Paolina.

Morì a 86 anni, condannata a star seduta dalla rottura di un femore e cieca.

 

Autore articolo: Angelo D’Ambra

Fonte foto: dalla rete

Bibliografia: G. Martineau, Madame mère: life of L. Bonaparte; E. Ferri, Luisa Bonaparte. Vita, potere e tragedia della madre di Napoleone

About historiaregni

Historia Regni è un portale telematico dedicato alla storia, anzitutto quella italiana. Nasce su iniziativa di Angelo D’Ambra, è senza scopo di lucro e si avvale di collaborazioni gratuite. Le foto presenti sono state, in parte, prese da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al nostro indirizzo email info@historiaregni.it e si provvederà alla rimozione.

Check Also

Il sogno di Alessandro (Racconto breve)

Si è solito considerare il divo Alessandro come uno degli eroi cosmici della Storia, capaci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.