Il sogno di Muiron

Il sogno di Muiron

Tanto coraggioso in battaglia e tanto legato a Napoleone, Jean-Baptiste Muiron fu forse l’aiutante di campo più apprezzato dal generale. I due si erano conosciuti nel 1793, all’assedio di Tolone, quando Muiron era capitano d’artiglieria. Avevano fatto amicizia e Muiron, promosso colonnello, lo aveva seguito  nella Campagna d’Italia. Il suo nome è legato ad un signolare sogno premonitore che gli annunciò la morte nella Battaglia del ponte di Arcole. (altro…)

Il prefetto di Roma

Il prefetto di Roma

Quando Roma non fu più sede della corte imperiale, un magistrato, il praefectus Urbis, serbò la giurisdizione sulla città e sul territorio circostante. La carica era stata isituita da Augusto e, sotto Graziano e Valentiniano, continuava a godere di altissima considerazione. Erano di sua competenza l’annona, i mercati, gli spettacoli, le mura e gli acquedotti, i lavori edilizi ed il censimento. Al cadere del VI secolo, sotto il pontificato di Gregorio Magno, il prefetto si ritorvò affiancato dal magister militum, incaricato dell’amministrazione militare. Oltretutto il prestigio della carica non era più quello di una volta. (altro…)

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa

L’Abbazia di Santa Maria di Farfa è un monastero che sorge in Sabina, nel reatino. L’abbazia nel Medioevo ebbe una importanza enorme grazie ad elargizioni, privilegi, esenzioni, da parte di imperatori e papi e diventò così una vera potenza interposta fra il Patrimonio di Pietro ed il Ducato di Spoleto. Nel momento più alto della sua potenza l’abbazia controllava 600 tra chiese e monasteri, 132 castelli o piazzeforti e 6 città fortificate, per un totale di più di 300 villaggi. I passaggi che seguono sono estratti da Renzo Di Mario, “Viaggio nel Medioevo sabino”. (altro…)